Aggiornamento Covid 19 dalle Missioni

Caris­si­mi,

un cor­dia­le salu­to a tut­ti, in que­sto tem­po di ripre­sa, dopo la gra­ve tri­bo­la­zio­ne cau­sa­ta dal cavid19 in tut­to il mon­do.
“Cuo­re mis­sio­na­rio”, il fogliet­to pub­bli­ca­to dal Secre­ta­ria­to dela nostra Mis­sio­ne ASC, ci ha chie­sto di aggior­nar­lo sul­la situa­zio­ne del “dopo”coronavírus (che spe­ria­mo sia dav­ve­ro nun­ca mais!) in Gui­nea e lo fac­cio volen­tie­ri, bre­ve­men­te.

Qui da noi e sia­mo, pur­top­po, anco­ra nel­la fase 4 che, gra­zie alla bon­tà di Dio per noi, non è sta­ta obbli­ca­ta da con­tag­gi seri, ma, per la veri­tà, da secon­di, segre­ti fini di Sta­to, che sono poi di pub­bli­ca cono­scen­za…
Tut­ta­via si va rico­min­cian­do, con il tem­po di cir­co­la­zio­ne limi­ta­to dal­le ore 7 asl­le 20, e “in masche­ri­na” che fa, in cer­to sen­so, da quin­ta alle mol­te dif­fi­col­tà di soprav­vi­ven­za.
Infat­ti, in aggiun­ta alle mise­re rac­col­te del riso e dell’anacardio, oro ver­de dela Gui­nea, quest’anno non pio­ve, spe­cial­men­te nel­la zona Nord, come qui ad Ingo­ré, ma le poche piog­gie, (e dire che sia­mo nel­la loro gran­de sta­gio­ne!), sono pre­ce­du­te da for­ti e vio­len­ti ven­ti, che sra­di­ca­no albe­ri anno­si e sco­per­chia­no case: un vero disa­stro!
Tra la gen­te c’è tri­stez­za e un anda­re mol­to stan­co, anche se si nota tra loro la natu­ra­le soli­da­rie­tà, tipi­ca dei più biso­gno­si. C’e scon­for­to e fame e que­sta sta­gio­ne mol­to umi­da por­ta nuo­ve malat­tie, ma noi mis­sio­na­rie andia­mo aiu­tan­do, come si può, semi­nan­do otti­mi­smo, e ani­man­do per ben rico­min­cia­re e rista­bi­li­re ciò che si è per­du­to per l’inerzia for­za­ta di qua­si 6 mesi, inte­gran­do anche le rela­zio­ni uma­ne, socia­li e fami­lia­ri.
Seb­be­ne le fun­zio­ni reli­gio­se di cul­to non si sono potu­te anco­ra rico­min­cia­re (per vole­re di Sta­to!), noi andia­mo già nei vil­lag­gi per visi­ta­re, soc­cor­re­re e por­ta­re la Paro­la, che sostie­ne e raf­for­za l’unione e la fede del vive­re e dell’operare quo­ti­dia­no, ed è bel­lo vede­re i cam­pi già col­ti­va­ti, nono­stan­te la poca piog­gia, con la minac­cia di una dura sic­ci­tà.
In mis­sio­ne rico­min­cia­no le atti­vi­tà di for­ma­zio­ne gio­va­ni­li e da lune­di pv ria­pria­mo la scuo­la, per un recu­pe­ro di un mese e ini­zia­re poi il nuo­vo anno sco­la­ti­co entro il 20 set­tem­bre, insie­me al cam­mi­no di fede e a tut­te le nostre atti­vi­tà di sem­pre.
Spe­ro che voi tut­ti stia­te bene in salu­te: rima­nia­mo uni­ti nell’affetto e nel­la soli­da­rie­tà che vi carat­te­riz­za.
Vi lascio con le paro­le di con­so­la­zio­ne di una medi­ta­zio­ne di papa Fran­ce­sco:

”Come i disce­po­li del Van­ge­lo, sia­mo sta­ti sor­pre­si da una tem­pe­sta
furibonda…Anche noi, come allo­ra i disce­po­li, stia­mo nel­la stes­sa bar­ca, fra­gi­li e diso­rien­ta­ti, ma …tut­ti sia­mo chia­ma­ti a rema­re, insie­me, con la stes­sa speranza…E come i disce­po­li del Signo­re gri­da­ro­no aiu­to a una voce: “stia­mo per affondare!”(Mc 4,38); cosi anche noi ini­zia­mo di nuo­vo insie­me, poi­chè non pos­sia­mo con­ti­nua­re ognu­no a modo suo, ma unen­do le for­ze incon­tre­re­mo la stra­da giu­sta da per­cor­re­re per non affon­da­re”.


Cor­dia­li salu­ti a tut­ti e ad ognu­no in par­ti­co­la­re e che Dio vi bene­di­ca e vi
doni la sua dol­cis­si­ma pace.

Di cuo­re


                                                        suor Maria Cifel­lii e con­so­rel­le ASC